Home Mugnano Contributi a Mugnano, l’ex assessore Imbimbo: «Trasparenza assente ed il giallo del...

Contributi a Mugnano, l’ex assessore Imbimbo: «Trasparenza assente ed il giallo del trenino…

310
0

Con delibera di Giunta n. 95 pubblicata il 21/12/2017 l’amministrazione Sarnataro ha sostenuto con un contributo di 4500 euro le  parrocchie del territorio impegnate nelle manifestazioni natalizie. Doveroso nei confronti di realtà (e lo dico convintamente e da uomo di sinistra) che tra mille difficoltà offrono integrazione, cultura, solidarietà ad un territorio particolarmente sofferente. Tutto ciò però fa a cazzotti con altre voci di spesa. Una è relativa al tanto famoso, quanto poco utile e non troppo sicuro, “trenino” e l’altra è relativa alle associazioni del territorio che sono state, e sono ancora, impegnate nell’organizzazione degli eventi natalizi. La prima spesa, deliberata in data 19/12/2017,  ammonta a 3.200 euro per l’uso di un trenino per un solo giorno. La seconda mai deliberata ammonta alla cifra tonda, tonda di “zero”. Un bel niente. A fronte di 4.500 euro per le parrocchie, che garantiscono eventi per tutto il periodo natalizio, ci si domanda come sia possibile spenderne ben 3.200 per un giorno per un trenino e mai un euro da quasi tre anni per le associazioni che tanto hanno fatto per il nostro territorio? A testimonianza di quanto fatto dalle varie associazioni basta dare uno sguardo agli immancabili selfie del sindaco, tanto bravo a non finanziare quanto a sfruttare le iniziative altrui con l’ormai noto strumento del “patrocinio morale”, svilito purtroppo a mero strumento di sciacallaggio politico. Ero assessore proprio all’associazionismo quando proposi (molti ne sono testimoni) di immaginare meccanismi trasparenti e efficaci di finanziamento alle varie iniziative associative del territorio. Eravamo all’indomani del successo delle diverse “notti bianche” (ormai svanite nel nulla) ed era doveroso a mio giudizio coordinare, programmare e sostenere tale cammino per far rivivere il paese e il commercio. Fu l’inizio della fine. Saltò tutto. E dopo poche settimane ero fuori dalla giunta. Come mai? Totale incapacità? Mancanza di volontà? Il tempo ci darà le risposte. Per ora ci tocca porci domande, cercare possibili risposte e registrare ancora una volta incapacità e inefficacia da parte di una amministrazione targata PD che, perfettamente in linea con le fallimentari politiche renziane, crede che la politica coincida con la più bassa e becera propaganda.