Home Scuola Contro qualsiasi forma di razzismo ed esclusione! Verso una società inclusiva.

Contro qualsiasi forma di razzismo ed esclusione! Verso una società inclusiva.

2042
1

In occasione della Giornata della Memoria, ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto, molte scuole organizzano manifestazioni ed eventi per celebrare l’apertura dei cancelli di Auschwitz e soprattutto per ricordare, che ancora oggi esistono in maniera diversa, forme di discriminazioni verso chi ci sembra “diverso”.  L’apertura dei cancelli di Auschwitz infatti, sottolinea in modo tragico ciò che l’umanità è capace di fare: uccidere! E non in nome di una momentanea follia ma di un lucido ragionamento che vede nel “diverso“ una persona inferiore, non degna di vivere e dunque da eliminare. Tuttora, a distanza di molti anni, la diversità viene ancora presa di mira e si attivano nei suoi confronti comportamenti di esclusione, di odio e di violenza, come ci ricordano gli ultimi episodi di bullismo avvenuti nelle varie città italiane. Ma, chi è il “Diverso?”. E da dove bisogna partire per combattere questi tristi episodi di violenza? Dalla scuola? Dai genitori? E le altre Istituzioni?

Il diverso è semplicemente l’altro, siamo tutti diversamente uguali e con gli stessi diritti e doveri. Partendo da questo presupposto, contro qualsiasi forma di esclusione sociale o di emarginazione  l’insegnante Rosa Liccardo di Mugnano di Napoli  e  l’artista-pittore-tatuatore emergente Ivano Domenico Felaco (in foto) di Calvizzano, attraverso la bellissima storia della Bella e la Bestia, film d’animazione del 1991 della Walt Disney portano quest’ importante tematica sui banchi di scuola ed in collaborazione con il team insegnanti delle classi seconde di Santa Maria del Pozzo plesso del 69° Circolo Didattico di Barra-Napoli iniziano un percorso di educazione alla diversità e di apertura al territorio, per riflettere insieme e per sensibilizzare la comunità sulla necessità di collaborazione tra le varie agenzie educative, al fine di contribuire  allo sviluppo di un pensiero libero da pregiudizi ed educare le nuove generazioni a valorizzare la diversità e non a combatterla.

 

Una Giornata della Memoria all’ insegna del ricordo del passato e della consapevolezza che bisogna imparare dalla storia e porre le basi per un reale cambiamento, che non può concretizzarsi nella vita di tutti i giorni se prima non avviene “nelle nostre teste”; perché la diversità è una risorsa, come appunto spiega il Pittore Ivano ai bambini: “Da alunno escluso ho fatto della mia diversità una risorsa e della mia passione un lavoro. Mi sono riscattato da qualsiasi forma di pregiudizio ed adesso sono qui, portavoce della mia esperienza e ringrazio le insegnanti R. Liccardo e M. Novizio per avermi incluso nel loro progetto Bibiolab e la dirigente Maria Esposito, da anni impegnata sul fronte inclusione, per avermi dato questa bellissima opportunità.”

1 commento

Comments are closed.