Home Cardito Cardito, Scoperto il motivo della mancata partecipazione al Piano Lavoro

Cardito, Scoperto il motivo della mancata partecipazione al Piano Lavoro

1074
0

Avevamo già dato la notizia che nel mese di febbraio, la Regione Campania, aveva riaperto i termini della procedura per la presentazione delle adesioni al “Piano per il lavoro nelle pubbliche amministrazioni della Campania” a tutti gli Enti che non avevano presentato la domanda entro il 20 dicembre. Il termine previsto era il 31 marzo. Il comune di Cardito, nonostante abbia una situazione dell’organico veramente imbarazzante, ha confermato la mancata partecipazione al bando.

Quasi fosse uno scherzo di aprile, nel primo giorno del mese è stato pubblicata sul sito del comune di Cardito, la delibera di Giunta (n. 27 del 22/03/2019) sul “Piano Triennale dei fabbisogni di personale 2019 – 2021”. Alla seduta erano presenti il sindaco Cirillo Giuseppe e gli assessori Cianciulli Giulia, Boemio Francesco, Giangrande Antonio, Barra Maria, Orabona Anna. Il piano triennale 2019-2021, prevende un impegno di spesa per i prossimi tre anni di circa € 315.432,33 per l’assunzione a tempo determinato e indeterminato di personale di area “D” e “C” di diverso profilo.

Non contestiamo la carenza di personale presente nell’Ente, anche perché nell’ultimo decennio, gli Enti locali sono stati sottoposti ad una severa disciplina vincolistica in materia di spese del personale e limitazioni al turn-over. Questo ha determinato una consistente riduzione del personale del comparto delle autonomie locali, una riduzione del valore medio delle retribuzioni e un notevole incremento dell’età media.

Quello che contestiamo è il metodo di reclutamento del personale scelto dai nostri amministratori. Per una corretta selezione era possibile passare per il FORMEZ? Sicuramente questo avrebbe consentito di innalzare il livello di qualità dei dipendenti pubblici che operano al Comune, ma il metodo scelto consentirà ancora una volta alla politica di poter sostenere il compaesano o l’amico.

Per la mancata adesione al Piano Lavoro si era impegnato il consigliere comunale Salvatore Setola che tramite PEC inviata al Sindaco Cirillo e il Responsabile del Servizio Personale, chiedeva: una relazione dettagliata sul fabbisogno del personale dell’Ente e le motivazione della mancata partecipazione al Piano Lavoro che consentiva di assumere giovani a tempo indeterminato nella Pubblica Amministrazione. Ancora una volta, non è arrivata nessuna risposta, anzi, qualche giorno dopo l’invio della PEC, hanno approvato in giunta il “Piano Triennale dei fabbisogni di personale 2019 – 2021”. Una vera e propria mortificazione.

Come avevamo già detto nei precedenti articoli, la decisione di non aderire al Piano Lavoro della Regione Campania nasce dalla volontà di non farsi sottrarre il potere di scegliere. Non si vuole rinunciare alle clientele che per anni hanno riempito gli enti di capre. Tante da costringere i contribuenti a pagare profumatamente professionisti incapaci di espletare la loro reale mansione. Tutto questo non sarebbe successo con l’adesione al Piano Lavoro perché la selezione e la formazione sarebbe stata effettuata dal Formez, che ha sicuramente specifiche competenze in questo campo. Ancora una volta stiamo spendendo male i soldi dei contribuenti ormai stanchi di questo modo di operare. La cosa meno piacevole è che in questi casi gli amministratori sono sempre tutti d’accordo.

Documentazione allegata

PROGRAMMA TRIENNALE DELLE ASSUNZIONI 2019 – 2021

VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27

Per notizie sempre aggiornate, seguici anche su Facebook. Cercateci e cliccate “mi piace” sulla nostra pagina: https://www.facebook.com/areanordnewsnapoli/