Home Cardito Cardito, sala mortuaria come stanza degli orrori

Cardito, sala mortuaria come stanza degli orrori

1051
0

La camera mortuaria come la stanza degli orrori al camposanto di Cardito-Crispano. Si torna a parlare del cimitero come zona di degrado e terra di nessuno e, stavolta, a lanciare la segnalazione è Stefano Andreone con la sua Web TV 24 di Met News, che accende i riflettori sulle pessime condizioni igienico-sanitarie della sala mortuaria in cui sarebbero costretti a sostare i nostri cari defunti.

La visione del video ha offerto un spiacevole spettacolo, che sicuramente ha lasciato tutta la cittadinanza a bocca aperta. All’interno della sala mortuaria è stato trovato sporcizia e calcinacci, muri scrostati e umidi, residui di lavori compiuti recentemente, scatoloni, deposito di materiale di risulta marmoreo, attrezzature da lavoro depositate nell’anti-bagno e bagni in condizioni precarie. Condizioni indegne per un Paese civile.  Questi spettacoli indecenti vengono da lontano, non nascono certo oggi. Tutto questo è inaccettabile. Oggi è arrivato il momento di dire BASTA!!!

Come mai il Responsabile del Servizio del Consorzio Cimitero Dott. Ferdinando Fusco, presente quotidianamente al Cimitero, non era a conoscenza di questo scempio? E’ possibile che non aveva comunicato nulla ai due Enti?

Per la pessima condizione igienico-sanitaria si è attivato il consigliere comunale Salvatore Setola inviando una PEC al Responsabile del Servizio del Consorzio Cimitero Dott. Ferdinando Fusco, al Responsabile dell’Ufficio Tecnico del Consorzio Cimitero Arch. Carmine Minichino, al Sindaco Giuseppe Cirillo, in cui si chiede se la sala mortuaria rispetta tutti i canoni normativi tecnici ed igienico sanitari ai sensi del DPR 285/90,  in base a quale atto normativo dirigenziale è stata individuata la zona per depositare il materiale di risulta marmoreo proveniente delle demolizioni delle tombe e in ultimo se la pulizia dei bagni viene garantita in modo giornaliero.

E’ inaccettabile tutto questo. I cittadini sono indignati non solo dello stato di emergenza in cui versa l’intero cimitero Cardito-Crispano, ma anche dai loro amministratori che di fronte a tale emergenza, si limitano ad accusare chi protesta di speculare sui defunti.

Il nostro invito è quello di effettuare un intervento tampone ed immediato affinchè questa situazione non rischia di trasformarsi in breve tempo in emergenza igienico-sanitario. Il cimitero è un luogo sacro che tocca il destino di tutti ed è prioritario restituirgli il decoro che merita.

 

Per notizie sempre aggiornate, seguici anche su Facebook. Cercateci e cliccate “mi piace” sulla nostra pagina: https://www.facebook.com/areanordnewsnapoli/