Home Cardito Cardito, Nel bilancio previsionale tutto fumo e niente arrosto

Cardito, Nel bilancio previsionale tutto fumo e niente arrosto

Scrivo per passione, per amore della verità. A Cardito potrei definirmi una specie in via di estinzione. Se con i tuoi attacchi pensi di intimidirmi, perdi solo tempo. Smettila con il terrorismo psicologico. Se vuoi il mio silenzio ti resta una sola possibilità: ABBATTERMI!!!

1576
0
Il Consiglio comunale nella seduta del 15 aprile 2019 ha approvato il bilancio di previsione per l’esercizio in corso. Il provvedimento di programmazione finanziaria e contabile è immediatamente esecutivo. Durante la discussione dei vari punti del bilancio abbiamo notato un gruppo di minoranza vivo e vegeto, a dispetto di alcune voci maligne che incolpavano i consiglieri di minoranza a non fare opposizione in consiglio comunale.
Come avevamo già scritto in un precedente articolo, dall’analisi del Bilancio emerge che aldilà di qualche sporadica iniziativa, c’è stato “tanto fumo e niente arrosto”. Mentre il paese lentamente muore, il Sindaco continua con i proclami milionari prendendo in giro i cittadini.
Dopo aver assistito per quattro lunghe ore il consiglio comunale e aver ascoltato i tanti interventi significativi dei consiglieri di minoranza, un giornalista locale, sotto dettatura di qualche cattivo consigliere “ombra”, continua a non capire la difficile fase di degrado che sta attraversando il nostro paese. Il tempo dedicato a smentire le mie verità, iniziano seriamente a preoccuparmi. Non mi definisco un eroe. Scrivo per passione, per amore della verità. A Cardito potrei definirmi una specie in via di estinzione. Se con i tuoi attacchi pensi di intimidirmi, perdi solo tempo. Smettila con il terrorismo psicologico. Se vuoi il mio silenzio ti resta una sola possibilità: ABBATTERMI!!! Già sei recidivo, per omettere la verità, non hai fatto una bella figura sulla questione del cimitero. Stiamo ancora aspettando la riapertura del cantiere per il completamento dei loculi nel cimitero di Cardito-Crispano.
Tutto questo succede quando in un paese ci sono troppi generali e pochi soldati. Andiamo per ordine e cerchiamo di spiegare ai nostri lettori cosa è stato previsto nel bilancio di previsione per l’anno corrente.
Durante i vari interventi, alcuni consiglieri comunali, cercavano di spiegare alla maggioranza, che non bisognava confondere la spesa corrente con i finanziamenti pubblici per la realizzazione di infrastrutture sul territorio. La spesa corrente è quella parte relativa al normale funzionamento di una città (stipendi, manutenzione delle opere pubbliche, servizi erogati ai cittadini, refezione scolastica, politiche sociali, etc). Se ci sono stati dei progetti finanziati dalla Regione Campania o dalla Città Metropolitana, quelli sono finanziamenti sovracomunali in conto capitale, di solito destinate a progetti di lungo termine per lo sviluppo della comunità e del paese, che i nostri amministratori decantano da otto lunghi anni. Questa distinzione è molto importante perché la spesa corrente è finanziata dalle tasse dei cittadini e non con i finanziamenti sovracomunali che dovranno arrivare (chissà quale anno) in città. Siete dei bugiardi!!! Ormai la gente è stanca e dopo tutto questo tempo vuole vedere i risultati. Sindaco, se in paese non si può circolare non è per i troppi cantieri aperti, ma per le strade che sono disastrate da enormi buche. In giro si può andare solo con i trattori.
Il non votare il bilancio da parte dei consiglieri di minoranza non è solo un pretesto, come è stato definito sulla bacheca del Sindaco Giuseppe Cirillo. Non è manco un voto contrario alle infrastrutture che si vogliano realizzare sul territorio. Il loro voto è contro gli sprechi e la mancata investitura di spesa pubblica in alcuni settori. Come denunciava il Consigliere Salvatore Setola, cosa è stato previsto per la manutenzione scolastica ordinaria? L’impegno del Sindaco preso con i genitori degli alunni della scuola dell’infanzia e primaria, sull’aumento della compartecipazione per il servizio di mensa scolastica per l’anno corrente, sarà aumentata da parte del comune di Cardito in modo da abbassare quella a carico dei cittadini (pari al 64%)? Su questo interrogativo, il consigliere comunale, non ha ricevuto nessuna risposta da parte dell’assessore di riferimento.
Anche la Consigliera Marisa Natale, poneva un quesito sul finanziamento intercettato per la riqualificazione della palestra adiacente alla scuola in via Marconi. Come mai non fosse stata prevista una somma in bilancio nel caso in cui dovessero venire meno i fondi intercettati per l’edilizia scolastica? Anche su questo punto non ci sono state risposte certe.
Come non ha ricevuto nessuna risposta certa il quesito posto del Consigliere Salvatore Setola, cosa succederà alla palestra in caso di mancato finanziamento alla scuola? Diventerà figlia di una scuola fantasma? Su questo punto il Sindaco Cirillo teneva a precisare che la palestra ha un ingresso autonomo. Quindi verrà data in gestione? Non è dato saperlo.
Non è semplice populismo o pura demagogia. Non mi definisco un militante dei cinque stelle di altri tempi. Vi spiego i motivi del perché vengono sprecate risorse vere a discapito dei servizi da offrire ai cittadini.
Per trovare 110.000,00 € per il rifacimento del manto stradale in via Tiziano (dopo solo 4 mesi è già da rifare) sono trascorsi otto anni mentre per trovare 158.538,45 euro per assumere personale sono bastati otto minuti. Ci continuiamo a chiedere sempre, come mai l’Amministrazione non ha partecipato al “Piano per il lavoro nelle pubbliche amministrazioni della Campania”? Questo sarà un mistero. Non è dato saperlo.
Se il sindaco si dice attento ad ogni forma di finanziamento, ci chiediamo come mai non abbia partecipato a quello della Città Metropolitana in merito al verde pubblico? Bastava che il comune partecipasse per portare nuovi soldi in città com’è accaduto per ben 58 paesi. Afragola ha portato a casa 329.059,22 euro, Casoria 390.190.59 euro, Frattaminore 10.750,00 euro, Casavatore 51.427,68 euro, Arzano 25.360,68.
Per trovare pochi euro per l’installazione di giostre e altalene nel parco Taglia sono serviti ben otto mesi. Quanti parchi giochi in giro per la città potevano essere finanziati con i soldi del personale?
Sulla questione del blocco del cantiere del cimitero di Cardito-Crispano è possibile avere i tempi certi per la consegna dei loculi o dopo che i cittadini hanno pagato l’intera somma devono attendere ancora tempi biblici?
I consiglieri di minoranza non hanno votato il bilancio di previsione non perché sono contro le opere pubbliche da realizzare sul territorio, ma hanno votato contro perché non hanno ricevuto le giuste risposte ai quesiti posti in essere. Si trovano soldi per tutto, ma non per le cose essenziali. Come ha dichiarato il consigliere comunale Pasquale Chiacchio durante la seduta “noi cittadini non ci siamo proprio accorti di tutti questi soldi arrivati in città“.
Speriamo solo che questo strazio per il nostro paese finisca il prima possibile! Sarà sempre la democrazia a decidere e non l’arroganza del Sindaco o di qualche consigliere comunale. Il totale fallimento è sotto gli occhi di tutti i cittadini e questo vi dovrebbe indurre tutta l’Amministrazione alle dimissioni immediate per manifesta incapacità. Invece avete il barbaro coraggio di dichiarare che non esiste un’alternativa valida all’attuale amministrazione. Noi siamo sicuri che non verrete eletti nemmeno nel proprio condominio vista l’evidente perdita di consenso che ogni giorno si registra a causa dei vostri fallimenti. E’ finito il tempo delle mele. Tutto fumo e niente arrosto. I cittadini chiedono i fatti e non le chiacchiere. Chi è fuori dal consiglio comunale ama più di voi la città.

 

Per notizie sempre aggiornate, seguici anche su Facebook. Cercateci e cliccate “mi piace” sulla nostra pagina: https://www.facebook.com/areanordnewsnapoli/