Home Cardito Cardito, l’opposizione chiede conto al Sindaco dei 4 milioni di deficit. Il...

Cardito, l’opposizione chiede conto al Sindaco dei 4 milioni di deficit. Il primo cittadino tace e scappa

1175
0
Il Consiglio Comunale riunitosi martedì 28 maggio, alle ore 13:30, per l’approvazione del rendiconto di gestione relativo all’esercizio finanziario 2018 e 2019.
Iniziano tempi duri per il primo cittadino che si trova a fare i conti con un opposizione ancora più compatta e agguerrita in Consiglio Comunale. La situazione all’interno del civico consesso non sembra favorevole al Sindaco Giuseppe Cirillo. Sono lontani i tempi del trionfo del lontano 2015.
Finalmente gli interventi dei consiglieri comunali  Pina Tignola, Pasquale Chiacchio, Marisa Natale e Salvatore Setola, hanno messo a nudo l’Amministrazione dimostrando, con i parere dei Revisori dei conti, che gli atti erano stati redatti in modo raffazzonato ed incompleto (riservandosi un esposto alla Corte dei Conti) e chiedendo spiegazioni sulle misure concrete da adottare per il ripiano dei debiti.
Saranno ancora tagliate edilizia scolastica, refezione e servizi o il Sindaco deciderà di rinunciare ai suoi tre staffisti, come hanno chiesto i consiglieri di opposizione che non hanno partecipato al voto perché l’Amministrazione, avrebbe dovuto per legge, adottare un piano di rientro con l’indicazione concreta della misura da adottare. In merito, il Sindaco, ha proposto solo delle linee guida senza indicare le misure concrete, che presenterà entro il 31 luglio 2019.
Dal canto suo, il Consigliere del PD Vincenzo Campanile, dall’alto della sua esperienza e forte del suo senso delle istituzioni, ha rilevato che i rilievi dell’opposizione sono giusti e che occorre una svolta decisiva per salvare le casse comunali, senza la quale si rischia il dissesto e facendo appello al senso di responsabilità di tutti.
Stamattina è arrivata la notizia dell’invio delle dimissioni del consigliere comunale Lugi Fusco da capogruppo del PD (n. Prot. 6759) e quelle dell’assessore Francesco Boemio che ha rimesso la delega ai Lavori Pubblici (n. Prot. 6760).
Ormai è chiaro che il partito del Sindaco ha aperto la crisi.
Siamo sempre più certi che Cardito ha bisogno di uno slancio nuovo, di trovare entusiasmo attraverso una nuova fase e per raggiungere questo obiettivo c’è bisogno di idee e di persone capaci di concretizzarle. Il paese ha bisogno di nuova linfa.

 

Per notizie sempre aggiornate, seguici anche su Facebook. Cercateci e cliccate “mi piace” sulla nostra pagina: https://www.facebook.com/areanordnewsnapoli/