Home Cardito Cardito, finanziamenti per la sicurezza delle scuole spesi per la riqualificazione delle...

Cardito, finanziamenti per la sicurezza delle scuole spesi per la riqualificazione delle piazze

Il sindaco Giuseppe Cirillo e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Anna Orabona continuano a sostenere che la sicurezza delle scuole è una priorità però il nuovo anno scolastico parte come quelli precedenti, in edifici scolastici che non sono si­cu­ri.

1558
0
Il sindaco Giuseppe Cirillo e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Anna Orabona continuano a sostenere che la sicurezza delle scuole è una priorità però il nuovo anno scolastico parte come quelli precedenti, in edifici scolastici che non sono sicuri e con la scoperta che finanziamenti pubblici che potevano essere utilizzati per la messa in sicurezza degli edifici scolastici sono stati dirottati sulla riqualificazione delle quattro piazze di Cardito. Ci vuole una discreta dose di “faccia tosta” per continuare a parlare della sicurezza delle scuole quando, come ha denunciato nei giorni scorsi il consigliere comunale di opposizione Pasquale Chiacchio, di alunni costretti da giorni a restare in aula con i vetri delle finestre rotti nonostante sia stato più volte segnalato. Per non parlare del mancato inizio della refezione scolastica agli inizi di ottobre. I nostri amministratori si fregiano di grande impegno per le scuole mentre la realtà racconta tutt’altra cosa.
Però, nonostante ci abbiamo fatto l’abitudine durante tutti questi anni di amministrazione Cirillo, è davvero imbarazzante che si possa continuare a giocare e speculare sulla pelle dei nostri figli. In questi anni ci ritroviamo con il plesso “Marco Polo” di via Marconi chiuso nel dicembre del 2012 a causa di un crollo di una parte del solaio di un’aula al primo piano della scuola elementare dove rimasero feriti due maestre e due bambini; una palestra adiacente al plesso scolastico altrettanto chiusa; una refezione scolastica che come da tradizione inizia ogni anno sempre in ritardo; aule chiuse durante le elezioni Europee perché pioveva acqua dal tetto; edifici scolastici sempre più insicuri e fatiscenti per i nostri figli; di classi sempre più vuote perché i genitori iscrivono i propri figli nei plessi scolastici dei paesi limitrofi.
In merito alla sicurezza degli edifici scolastici, il consigliere comunale Salvatore Setola, con la pec del 12 giugno del 2019 chiedeva all’Assessore ai Lavori Pubblici Francesco Boemio e il sindaco Giuseppe Cirillo, se avessero partecipato all’assegnazione dei contributi in favore dei Comuni per la realizzazione dei progetti relativi a investimento nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile ai sensi dell’articolo 30, comma 1, del decreto legge n.34 del 30 aprile 2019. La partecipazione a questo bando avrebbe portato nelle casse dell’Ente un contributo di 130.000,00 euro. Fondi che comprendevano interventi in materia di mobilità sostenibile, nonché interventi per l’adeguamento e la messa in sicurezza di edifici scolastici.
Nella giornata di ieri, il consigliere comunale Salvatore Setola pubblica sulla sua bacheca di facebook il seguente post:
Premesso che dal 7 maggio scorso e fino a luglio, nella qualità di consigliere comunale ho chiesto a mezzo pec, al dirigente lavori pubblici, all’assessore al ramo ed al sindaco di far partecipare il comune ad un finanziamento di €. 130.000,00, così come sancito dal decreto crescita n. 34/2019, (di cui, chi ci amministra non ne era a conoscenza), per mettere in sicurezza le nostre scuole, logicamente dando priorità alle stesse considerando i lavori che necessitano.
Nel consiglio comunale dell’aprile scorso chiedevo all’assessore al bilancio ed al sindaco la somma stanziata per l’edilizia scolastica, inutile riportare la risposta, allora il 22 maggio ne facevo richiesta a mezzo pec all’ufficio lavori pubblici, unitamente sia agli interventi da fare in alcune scuole in quanto vi era intonaco che cadeva, che richiesta di certificati di agibilità. Inutile riportare la risposta. Solo per ricordare a chi amministra e che alle scorse elezioni europee è stato spostato un seggio elettorale in una scuola perché pioveva acqua dal tetto.
Ebbene, ho sempre detto, e lo ricordo a me stesso, che i bambini non hanno e né devono avere colore politico, mi sono illuso, lo ammetto! Invero, ne ho trovato risposta nella delibera di giunta del 24 settembre con la presenza ed approvazione di tutti gli assessori presenti, quindi anche degli addetti ai lavori. Cosa hanno deliberato ed approvato?
Quel tanto richiesto finanziamento di €. 130.000,00, (che chiedevo e che attendo ancora una risposta dagli uffici preposti), necessario per la messa in sicurezza delle nostre scuole, verrà reperito per qualificare: parco taglia, piazza Giovanni XXX III, (già con lavori in corso), piazza falcone e borsellino e piazza rodomonte chiacchio.
Quindi ai nostri bambini e alle nostre scuole cosa resta? I soliti secchi per raccogliere acqua piovana che scende dai tetti, finestre che non possono essere aperte in classe perché non a norma, mura ammalorate e con muffa, bagni inagibili.
In altre parole, i cittadini sicuramente hanno capito e capiranno, che chi millanta sicurezza, buona scuola e tenuta del territorio hanno un colore politico di cui ne disconoscono l’appartenenza.
SAPPIATELO…”
Il tempo è trascorso in abbondanza e le promesse fatte ai carditesi in campagna elettorale per strappare qualche voto in più sono state tutte disattese.
Vogliamo ricordare ai nostri amministratori che nei plessi scolastici i nostri figli ci vivono quotidianamente. Non è possibile che nel luogo dove studiano possano rischiare ogni giorno. La sicurezza dei nostri figli non deve avere colore politico e soprattutto non deve essere solo elemento di campagna elettorale. Il tempo delle mele è finito. Se non siete capaci, fatevi da parte o ci penseranno i carditesi alle amministrative del 2020.

 

Per notizie sempre aggiornate, seguici anche su Facebook. Cercateci e cliccate “mi piace” sulla nostra pagina: https://www.facebook.com/areanordnewsnapoli/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui